La Scienza a sostegno della Pausa Caffè

È giunto il momento di sfatare uno dei più antichi pregiudizi vigenti nel mondo del lavoro.

La pausa caffè: è realmente sinonimo di improduttività?  

No, come probabilmente avrai già intuito.
Dedichiamoci quindi all’approfondimento della tematica.

Il punto di partenza, da cui non distogliere mai l’attenzione, è principalmente uno.
I nostri consigli sono a favore di un ufficio che abbia al centro le persone e le loro particolari esigenze. Abbiamo a cuore che tu comprenda la necessità di apportare miglioramenti al tuo ambiente: infatti, caro titolare, in un ufficio in cui si sta bene si produce oggettivamente di più.
Il lavoro di squadra non deve essere soltanto una prerogativa del tuo team, il primo a comprendere profondamente i benefici del team-working dovresti essere proprio tu.

Ormai sul luogo di lavoro non vi è più posto per il mero arrivismo.
La vera tendenza è riuscire ad instaurare rapporti basati sull’altruismo, in un ufficio in cui proattività, empatia e fluidità delle gerarchie vengano viste come una prerogativa imprescindibile per il raggiungimento degli obiettivi.
Sarai tu stesso il beneficiario a lungo termine di questo rinnovato modo di concepire il rapporto lavorativo. Poniti delle tempistiche ben precise entro le quali misurare l’influenza positiva dell’adozione di una filosofia di pensiero “smart”, constaterai che i risultati ottenuti saranno sicuramente di tuo interesse.


Ma torniamo al punto.

Perché è importante adibire un’area al relax dei tuoi dipendenti?


 



Perché quella del caffè è solamente una scusa, ma dalle infinite potenzialità.

Quando necessiti di un aumento della produttività da parte dei tuoi collaboratori, metterli sotto torchio è la scelta più comune ma anche la più controproducente che tu possa fare.
La spiegazione è elementare: lavorare ininterrottamente, senza alcun momento da dedicare al riposo ed alla ricarica delle energie porta i dipendenti ad essere meno coinvolti nella missione aziendale. Conseguentemente saranno portati a commettere più errori e, in sostanza, ad essere meno efficienti.


L’Harvard Business Review rende noto l’influenza positiva delle pause.
D’altra parte, quando si è costretti a svolgere continuativamente un incarico, è molto facile perdere la concentrazione. La parte più creativa del cervello non riesce ad intervenire mentre siamo totalmente immersi nell’adempimento di un incarico, ed è proprio per tale motivo che le idee più geniali riescono ad emergere solamente quando la mente si trova a riposo. Non a caso l’illuminazione arriva sempre mentre siamo sotto la doccia oppure in macchina, ci hai mai fatto caso?
Introdurre una breve pausa permette di approcciarsi in maniera diversa al problema su cui si era rimuginato fino ad allora, magari anche grazie ad uno spunto ottenuto dai colleghi.



Ad ulteriore sostegno della pausa caffè, i ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno infatti messo nero su bianco i benefici della pausa caffè in ufficio: essa rappresenta, infatti, un valido alleato contro l’insorgere dello stress e un potente strumento di socializzazione.

Lo studio danese illustra il potere terapico del coffee break.

Osservando il comportamento di un campione di impiegati in sosta temporanea in prossimità della macchinetta del caffè si è potuta notare la formazione di piccoli gruppi di ascolto utili non solo per rafforzare le relazioni ma anche per sfogare tensioni e risolvere problematiche comuni.

Infine, avere un pretesto per allontanarsi dalla scrivania è un buon alleato della salute.

Non solo aiuta a prevenire i classici malesseri che scaturiscono dal mantenimento delle classiche posizioni di lavoro sedentarie, anche gli occhi trarranno vantaggi positivi dall’allontanamento per qualche minuto dallo schermo del computer.

A fronte di quanto affrontato, ci sentiamo quindi di consigliare caldamente di implementare lo spazio dedicato alle pause ed al relax. I dipendenti apprezzeranno sicuramente la tua accettazione di questa pratica sociale, mentre tu potrai verificarne il ritorno in termini monetari.

Avere un’area relax all’interno dell’ufficio può realmente fare la differenza, e se non sei convinto…
Ti invitiamo a berci una tazza insieme!

Belardi Arredamenti: diamo spazio a chi lavora, ma anche a chi sa valorizzare il riposo.

2019-02-12T10:46:14+00:007 Feb, 2019|blog|0 Comments